Archive for luglio 2008

h1

Dead Space Downfall (primi video) – Il gioco uscirà ad Halloween…il cartone molto prima!

28 luglio 2008

Non amo i giochi che si basano sul semplice spara-ammazza (sparatutto). Neanche quando ci sono alieni e mostri (odio Doom, per esempio) e lascio aperta giusto giusto una porticina per amenità come Silent Hill.

Inoltre non apprezzo nemmeno i giochi in terza persona.

Quando però vedo questo tipo di cose qui subito di seguito, qualche dubbio mi viene…:

(attenzione: immagini forti: è un gioco horror)

E dal momento che Ea ha pensato di fare le cose in grande, ecco anche il simpatico trailer del lieto cartone che fa da apripista:

Sì: mostri-zombie, alieni bavosi, mostruosità ammorbanti, chimere impazzite, probabilmente virus mutanti, ecc. Sembra un misto di Alien, Silent Hill e cose simili.

Quindi potrebbe essere bellissimo…

Comunque, per i più esigenti, ecco alcune immagini del gioco:

Qui la fonte della notizia: Eletronics Arts Italia

Segnalo che Ea ha voluto pubblicizzare tanto Dead Space da realizzare, prima ancora del cartone, anche un fumetto (ovviamente sempre horror).

Anticipazioni e chiarimenti: Nel fumetto e nel cartone si narrano gli eventi che precedono l’arrivo sulla nave spaziale Ishimura, il cui equipaggio è stato trasformato in orribili zombie (come si è potuto vedere nel video). Ruolo determinante per la tragedia è svolto dal ritrovamento dell’oscuro artefatto alieno (di cui al cartone).

Questo il link al sito ufficiale del gioco dove protete trovare altri nauseanti filmati…da non perdere (per entrare dovete digitare la vostra data di nascita): deadspace.com

Ahimé: al momento il gioco è previsto solo per X-box 360 e PS3

Annunci
h1

Sacred 2 & Blind Guardian: Aggiornamento

25 luglio 2008

Lo avevo già in precedenza segnalato: i Blind Guardian oltre a firmare la colonna sonora di Sacred 2 ne sarebbero anche stati personaggi.

Ed ecco:

il motion capture ed un po’ di dietro le quinte

ed il risultato

Tutte le informazioni del caso e i link utili: al mio precedente post.

Per qualche video dei Blind Guardian: al mio precedente post

h1

La Spada della Verità: il Telefilm (il trailer)!

25 luglio 2008

In Italia è appena uscito l’ultimo libro [premi qui per la recensione] (il quindicesimo) della saga de La Spada dell Verità di Terry Goodkind…

Il 1° novembre 2008 uscirà in America il primo di 22 episodi della serie televisiva (produttore Sam Raimi).

Ecco le prime immagini:

Ed ecco i due protagonisti:

L’iimagine è tratta dal sito ufficiale: Legend of the seeker

Craig Horner, che sarà Richard Cypher, vanta la partecipazione ad un discreto numero di serie televisive australiane.

Abbiamo avuto già modo di conoscere Bridget Regan, che sarà Kahlan, in Law & Order Criminal Intent.

Per tutti i lettori di Goodkind: che ne pensate?

h1

Cowboy Bepop: il Live-action Film

25 luglio 2008

Vi piacerebbe trovare tra le locandine del vostro cinema preferito una di questo tipo?

o magari questa:

Se la risposta è sì, Vi devo in parte disilludere…

Ma solo in parte.

Le immagini che vedete qui subito sopra non sono che fake, immagini costruite ad arte (e in questo articolo ne potrete trovare altre davvero da non perdere: Falsos Posters de Peliculas de anime)

Ma la notizia che si stia lavorando ad un Live Action Film di Cowboy Bepop gira da qualche tempo su internet e le voci si fanno sempre più insistenti e particolariggiate, tanto da far ritenere che qualcosa di vero vi sia.

In particolare IFMagazine afferma che del progetto si stia occupando, per la Fox, Erwin Stoff (The Matrix, I am Legend) che ha provveduto ad acquistarne (pare) i diritti.

Ovviamente non si ancora nulla di tempi e tantomeno di cast: si è davvero ai primi passi.

Ma dal momento che per gli appassionati una notizia del genere è davvero ghiotta, ho pensato che non fosse male segnalarlo.

A coloro che non conoscessero l’anime Cowboy Bepop consiglio vivamente la visione di qualche episodio.

I protagonisti sono cacciatori di taglie. In un mondo cupo, nel quale il pianeta terra è stato stravolto da eventi catastrofici dalla natura non del tutto chiara (e sui quali la serie non è certo prodiga di aiuti chiarificatori), le insidie sono davvero di ogni tipo e l’anime varia tra ambientazioni noir, fantascientifiche e horror.

Per ulteriori informazioni: Wikipedia Inglese

Questo il trailer del film di animazione:

h1

Capitolo VI – Il Mondo d’Incubo (5)

20 luglio 2008

Se da qualche parte, nella sua mente, il dubbio aveva cercato in qualche misura di indebolire la sua risoluzione, davvero i suoi gesti non ne tradirono traccia: il capo del fiore tormentato si reclinò un momento, e poi, reciso, cadde di lato, mentre lo stelo si accasciava e la linfa vitale scorreva rapida ad inscurire l’indifferente nuda terra.

Spente finalmente le odiose litanie, scacciato l’Incubo ed uccisa la storpia, Sorien rimase immobile, nel più totale silenzio, quasi la notte, unica ma immensa, fosse rimasta attonita di fronte al gesto che nessuno più, in quel tempo dannato, avrebbe certo ritenuto empio.

E se davvero una ragione superiore vi fosse stata in quel mondo; se davvero al giusto gesto fosse seguita, se non la ricompensa, quanto meno la pietosa dimenticanza, davvero l’ordita trama del tempo si sarebbe disfatta ed il Cavaliere avrebbe visto finire la sua odiosa condanna.

Ed invece così non accadde. Mai gli oscuri guardiani avrebbero volontariamente permesso che quel ramo dell’Albero delle Storie rimanesse infruttuoso: tanto divertimento aveva loro concesso, che altro ancora, avidi ed insaziabili, avrebbero da questo preteso ed, estasiati, ottenuto.

Una folata di gelido vento.

L’odore della terra e del sangue.

E Sorien riprese coscienza del luogo e del tempo nel quale si trovava, realizzando improvvisamente che non avrebbe potuto quella volta comportarsi come in tutte le precedenti: avrebbe dovuto tornare ad essere quel che più non era, e dare sepoltura all’incolpevole uccisa.

Si sorprese della propria determinazione.

Erano quelli tempi in cui il culto dei morti non era più nemmeno mera superstizione. Aveva veduto città nelle quali i cadaveri, gonfi e marciscenti, erano stati lasciati al centro di vie e piazze. Si era trattato spesso di atti deliberati volti a diffondere la contaminazione e la morte, ma altrettanto spesso non vi era alcun deliberato fine a dar conto di tanto abietto e vile gesto: semplicemente, i corpi erano lasciati ad imputridire sotto la pioggia o disfarsi sotto l’impietoso sole, perché non vi era più nessuno che moralmente sentisse l’obbligo di occuparsi della loro sepoltura.

Di là dalle necessità di proteggere la salute propria e altrui, il culto dei morti aveva trovato ragione e radice in un sentimento di pietà e comprensione che non era più del mondo nel quale Sorien sopravviveva. Spariti i monaci ed i preti, le chiese erano divenuti oscuri ricoveri per sbandati ed assassini, mentre i cimiteri, dimenticati nella loro funzione cultuale, davano accoglienza a tumuli insignificanti di fronte ai quali nessuno pregava né tantomeno poneva in essere libagioni.

Nell’aridità dell’anima, era piuttosto il mondo tutto ad essersi trasformato in un immenso sepolcro, nel quale anche coloro che ancora camminavano erano già stati tumulati.

E non era affatto una tomba di pace e di riposo.

Il motivo per il quale ora Sorien sentiva l’obbligo di sepellire la storpia non nasceva certo dall’illusione di riportare in quel mondo disfatto il segno di una possibile salvezza nella quale lui stesso, da tempo, aveva smesso definitivamente di credere; né, per il vero, era rimasta in lui tanto radicata traccia di timore divino: probabilmente, se si fosse ulteriormente attardato, quella risoluzione sarebbe svanita ed il suo passo, senza ulteriori esitazioni, lo avrebbe ricondotto all’accampamento. Non avrebbe mai più fatto ritorno in quel luogo e presto si sarebbe dimenticato di quanto là accaduto. In fondo aveva veduto e fatto cose ben peggiori.

Quel gesto nemmeno avrebbe compiuto per la giovane storpia, che il cuore malato e la mente disturbata avevano spinto a stringere un patto con l’immondo al fine di vivere nell’inganno di un insano ed impossibile ricongiungimento. Non lo avrebbe fatto per dar sepoltura ad una incolpevole che la giustizia della necessità aveva reso vittima, e dare riposo alla sua anima tormentata.

Non sarebbe stato possibile, anche se l’Incubo non l’avesse legata a sè sottraendole per sempre la possibilità di trovar pace al di là della Soglia: avrebbe pur sempre vagato tormentata, lentamente e per l’eternità divorata dalle immonde cose che quel mondo avevano contaminato privando l’uomo di ogni possibile ricompensa per le terrene tribolazioni.

No: per la storpia non vi sarebbe stata necessità di compiere alcun gesto.

Lo avrebbe fatto per lui stesso.

E per Leilani.

Se colei per la quale era vissuto lo avesse visto ora davanti a quel misero deturpato corpo, incapace di dimostrare anche un minimo segno di umanità, lo avrebbe ripudiato e disconosciuto. E benché Leilani fosse stata causa del suo più profondo dolore, non avrebbe potuto compiere l’ultima missione che si era attribuito senza saperla presente, vicino a lui. Eterna condanna.

Si guardò intorno.

Sarebbe stato davvero un misero luogo nel quale cercare riposo. Avrebbe dovuto scavare in profondità e scegliere con cura le pietre più adatte.

E non sarebbe bastato.

Sentì freddo.

La gamba prese a pulsare.

Cercò di spingere i propri pensieri lontano. Non era una ferita profonda e la contaminazione non poteva raggiungere le profondità cupe del suo essere, protette da Tormento.

Nondimeno il dolore gelido risalì fino all’anca prima di fermarsi, intorpidendo i suoi sensi.

Tornò a guardare verso il corpo della storpia: minuto e consunto dal male non sarebbe certo stato un gran peso. Ma dove portarla? Non aveva tempo di compiere ricerche e del resto dubitava che l’allontanarsi da quei luoghi gli avrebbe consentito di avere maggior fortuna.

L’avrebbe sepolta lì, insieme ai tumuli senza nome. Sperando che il Male si dimenticasse di lei.

Non fu così.

Nell’aria si diffonde improvviso uno strano odore che per qualche momento confonde con quello dell’incenso.

Il freddo diviene ancora più intenso.

Comprende.

Il suono terribile ed angosciante di una corda di strumento che si strappa…

…e poi gorgoglii liquidi e viscidi.

Ed il corpo della storpia prende a muoversi.

(…continua…)

h1

Aerei Militari Giapponesi…e Manga!

19 luglio 2008

Di quale entità sia il fenomeno manga-anime in Giappone è ben noto a coloro che proprio suo tramite si sono innamorati del Paese del Sol Levante.

A volte, tuttavia, per quanto si sia di mentalità aperte, si rimane ugualmente davvero sorpresi.

Un significativo esempio l’ho trovato in internet, sul blog indicato nelle seguenti foto:

Sì: il dubbio che si tratti di un qualche ritocco con photoshop mi ha sfiorato, ma la fonte sembra smentire…

Comunque vi rimando al suo blog: Nerdice.wordpress.com

h1

Tatsunoko VS Capcom – Primo video

12 luglio 2008

C’è voluto un po’, ma dopo le prime immagini (di ottima qualità) ecco il primo video su youtube (dalla qualità non eccelsa) del gioco più bello per i nostalgici degli anni ’80:

[fonte rindondante: Mazinga Avanti]

Upgrade 17 settembre: Sembra che il gioco venga realizzato per Wii