h1

Il Celiba-Teo: l’addio al celibato dell’ultimo Mac Leod

9 settembre 2008

Odi, o viandante, di quel che il mentore vide, tra le vette delle Highlands (o erano gli Appennini?) ed il burrascoso mare, quella domenica di settembre alla quale oscure nubi avevano rapito il luminoso risveglio e solo un epico evento ricondusse il sole, fulgido nunzio, chiamato a testimone d’ardite imprese e perigliosi travagli.

Odi di quel 7 settembre che negli occhi di molti rimarrà indelebile ricordo; che fu di trepidante attesa e orgogliosa rinascita; di dolorosa sconfitta e scioccante vittoria; di tormento (per uno) e trastullo (per molti).

Odi di quel prode che tanto vagò per le vie di un trasognato villaggio di pescatori in quel giorno rinate nell’incanto della sfida.

E attendi, sospira, trepida e, nell’impeto di comuni afflati, ergiti saldo e sii testimone del valente virgulto che s’appresta al gran passo.

E che il Tuo cuore si riempa d’orgoglio incontrando il suo sguardo…

Tutto incominciò di presto pomeriggio. Un misterioso messaggio raggiunse il prode invitandolo a vestire l’abito da generazioni tramandato per occasioni uniche e superbe e quando il nunzio dei futuri giorni giunse alla sua soglia, egli era pronto…

Il nunzio dei futuri giorni lo ammonì con nefasti presagi, ma rincuorò con sorprendenti rivelazioni: nelle vene di quel che tutti conoscevano con breve ed umile nome scorreva il sangue del clan Mac Leod, celato ai suoi nemici con sagace inganno. Chi mai avrebbe infatti sospettato che sotto le tracotanti e ricercate vesti di ogni giorno; oltre alla celeberrima magniloquenza quotidianamente sfoggiata (“sapendo conscio” “gatto lesbico“) si nascondeva un immortale eroe?!?

Il nunzio, leggendo il suo futuro in misteriose carte, lo condusse così alla scoperta delle sue vere radici: superando perigliose prove avrebbe salvato il suo futuro e raggiunto gloriosa ricompensa…

La prima prova non avrebbe dovuto nascondere gravi insidie: riconoscere il vero whiskey scozzese tra molti (tutti provati) non poteva certo essere difficile per l’impavido…

Sfortunatamente le nebbie nei ricordi erano ancora dense…

Ma dopo solo un altro sorso (o magari molti di più, data la giusta penitenza) eccolo di nuovo in viaggio, fra genti note ed irriverenti, prese le dovute ed indispensabili precauzioni…

[“Non è un maniaco: è solo il suo addio al celibato“]

E così, in un sol giorno, urlando per le vie affollate l’orgoglio dei suoi natali “IO SONO MAC LEOD!!!!“, dovette dar prova di saper guidare i propri guerrieri in battaglia,

cavalcando indomabili purosangue…

…dominando funeste fiere…

…ergendosi a guida e baluardo nelle perigliose vie

Poi dall’ombra emerse funesto oscuro nemico…

Il giovane Mac Leod non si scoraggiò. Del resto non aveva forse egli già avuto ragione dei suoi nemici in così truculenta medievale giostra?

Così, quando l’acciaio incontrò l’acciaio, quando le folle deliranti iniziarono ad acclamare il suo nome (Buckalass, Buckalasss…ah no! Quello era un altro…)

…seppe aver ragione del malvagio nemico.

Ah di quale coraggio fu capace! Di quale maestria!

Solo non rimaneva che dar prova della proverbiale capacità amatoria dei Mac Leod.

Nessuno dubitava del sicuro successo. Ed infatti ecco le testimonianze vive di come l’ars amatoria del giovane virgulto seppe far suo il cuore di ignara donzella…

…e di illibata fanciulla

Hai dunque veduto, mio caro viandante, prova fulgida del valore dell’ultimo Mac Leod; sai che il suo nome verrà sempre ricordato nella landa che l’accolse quel giorno; sai di quali virtù diede prova.

Ed allora unisciti al brindisi che quella sera tutti noi vide uniti:

al buon Teo

auguri sinceri dai tuoi tanti amici (un po’ bastardi, ma pur sempre amici)!

Annunci

4 commenti

  1. GRANDISSIMO!!

    DAN


  2. Solo tu potevi creare una cosa così epica…. e solo Teo poteva esserne il fulgido protagonista!
    (e solo noi potevamo essere così bastardi..)
    Buonanotte ETERNA!


  3. Maledetti…povero Teo… avrei voluto partecipare anch’io! ^_^
    Sabrina


  4. Buona notte ETTERNA anche a voi…
    @Luca: senti il dolce “canto” di Rastan: ti accompagnerà a domani…alla morte!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: