Archive for the ‘Segnalazioni dagli Autori’ Category

h1

Segnalazioni dagli autori (1): Morwen – La Ragazza degli Alberi

5 gennaio 2009

L’Oracolo dei Venti non di rado si è occupato di Fantasy e sotto questo particolare riguardo non poche sono state le recensioni di libri e saghe (ed alcune di esse hanno avuto la fortuna di essere pubblicate sulla rivista ed il sito di Terre di Confine).

Il presente post ha valore diverso.

Qualche tempo fa sono stato contattato dall’autrice di un libro fantasy per ragazzi che mi ha chiesto di far cenno alla sua opera sulle pagine di questo blog. Con molto ritardo, tengo in oggi fede all’impegno che presi allora: con tutta chiarezza preciso che, non avendo letto il libro suddetto, non posso porre in essere alcuna recensione e devo conseguentemente astenermi da qualsivoglia commento.  Una segnalazione è comunque quantomeno dovuta: la giovane autrice, come me ligure ed amante dei manga (le immagini a corredo della presentazione dei personaggi e presenti nel libro sono sempre sua opera) è riuscita in quel che fortemente anch’io voglio, ossia scrivere e pubblicare un romanzo; al suo posto sarei ben lieto che qualcuno, pur nei limiti del possibile, ne desse notizia aumentando il numero dei possibili lettori.

Così Vi presento:

Morwen – La Ragazza degli Alberi

morwen_primo2

QUARTA DI COPERTINA:

Lui, un vecchio e burbero drago.
Lei, una giovane strega testarda e infelice.
Aggiungiamo un timido lupo mannaro, una vanitosa vampira e uno zombie
pasticcione.
La sorte li ha fatti incontrare perché portino a termine un delicato
compito… Ma si tratta davvero di casualità o a tirare le fila del destino è
la misteriosa dea Morwen? Tra Leoni illusori, Draghi da Trasporto e minacciosi
Cacciamorte inizia il viaggio alla ricerca delle Tre Spade Leggendarie!

PROLOGO

Secoli orsono, il buio della sera
nascondeva il castello di una strega nera.
Sola e infelice voleva volare
via da quel luogo e un eroe incontrare.
Fu un tiranno che il potere adora
a costringerla a lasciare la dimora,
rendendo schiava la popolazione
e dando ai ribelli una bella lezione.

Ma un drago lottò per il suo salvataggio.
La strega di corsa fuggì dal villaggio
e iniziò con grande fatica
la ricerca di una spada antica.
Monti e colline avrebbe valicato
e innumerevoli nemici incontrato.
Bestie fameliche, maghi potenti,
ma anche tre amici onesti e valenti.

Grazie a loro senza paura
avrebbe affrontato ogni sciagura,
raggiungendo l’ambíta meta
e dando alla storia una fine lieta.

PERSONAGGI

LORY BARTON
Lory è la figlia della defunta Dragologa Sarah Arrow e di Robert Barton, un
famoso commerciante di attrezzature per il gioco del Dryzard. Essendo rimasta
orfana quand’era molto piccola, la strega è stata cresciuta da Balgas, un
anziano mago bianco. Entrambi vivono nello splendido castello di Gottinghen
Falcon, vicino a Kirèa.
Lory adora acconciarsi i capelli come le Sacerdotesse di Erisval e il suo
guardaroba straripa di tuniche in pelo di Dapty, un tessuto resistente alle
magie di basso livello. Apparentemente è un tipo freddo, ma con un semplice
sorriso potrebbe stregare chiunque. La sua arma preferita è la spada, conosce
l’arte di evocare le Illusioni e sa usare incantesimi di magia bianca e nera.

lory

AYRON
Ayron è il bisbetico drago selvatico che salva Lory dalla sua prigionia, al
villaggio di Kiréa. Dopo un’accesa litigata, propone alla ragazza di viaggiare
insieme a lui alla ricerca di un oggetto magico in grado di sconfiggere
l’esercito di Aston, senza però svelarle né di cosa si tratti, né dove si
trovi.
Ayron ha un carattere forte e autoritorio, per questo è spesso conflitto con
Lory. Ma vuole molto bene alla ragazza e lo dimostra in più di un’occasione.

ayron

DANIEL HAWKINS
Dan, ultimo discendente di una celebre stirpe di eroi, è rimasto orfano
quando aveva appena un anno e per crescere si è dovuto fare forza contando solo
sulle proprie capacità.
Negli squallidi quartieri di Soroh, la città in cui è nato, Dan ha subíto
prima l’invidia dei coetanei per la fama ereditata dai genitori; poi le
critiche per non aver contrastato l’insediamento di Aston. Dan si è guadagnato
così la triste reputazione di “pecora nera” della famiglia Hawkins.
Avendo trascorso l’infanzia in grande solitudine, Dan comprende a fondo i
sentimenti di Lory, emarginata per la sua natura di strega. Con la giovane ha
infatti instaurato un solido legame di amicizia.

dan

ARIENNE OSBOURNE
Ary è la secondogenita della famiglia Osbourne e abita al Raverick Castle.
Suo padre, Lord Harmann, è sposato con la contessa Elisabeth Bathory da ben
quattro secoli e mezzo. Suo fratello maggiore si chiama Lilith.
Ary prova un odio smisurato verso tutto ciò che si muove, parla o respira
fatta (forse) eccezione per Dan. Detesta Lory e le procura continuamente un
sacco di guai.

ary

WILL
Will è un tipo molto singolare. Non ricorda né in quali circostanze è risorto
zombie né per mano di chi. All’apparenza dimostra la stessa età dei suoi
compagni di avventura, invece è nato centinaia di anni prima di loro.
Will è il miglior amico di Dan, nutre un’immensa simpatia verso Lory ed è
persino in grado di tollerare la compagnia di Ary (forse per la loro comune
natura di redivivi). È costretto a portare delle bende avviluppate intorno alla
testa, ai polsi e alle caviglie per nascondere un raccapricciante reticolo di
vene. Nonostante questo accorgimento, è piuttosto facile intuire la macabra
verità sul suo conto.

BALGAS VALMONT
Balgas è l’anziano stregone bianco che vive al Gottinghen Falcon. Non lascia
quasi mai il castello e prova un intenso rancore verso gli abitanti di Kirèa,
colpevoli di trattare con disprezzo la sua allieva Lory.
Balgas ha narrato alla strega le eroiche imprese dei guerrieri Hawkins,
destando in lei il desiderio di incontrare un vero eroe. Ma quale ruolo
ricopriva prima di prendere Lory sotto la sua protezione? E da quale fonte ha
ricavato il denaro per acquistare il maestoso castello di Gottinghen? Nel suo
passato si celano oscuri segreti.

DRAGHI DA TRASPORTO
I Draghi si possono dividere in cinque grandi categorie. In genere, la classe
entro cui un drago viene collocato fa riferimento al suo habitat naturale.

Draghi di Fuoco: draghi in grado di emmettere fuoco e sopravvivere a
temperature estremamente elevate.
Draghi delle Acque: vivono lungo i corsi di fiumi e laghi. Non possono
sopravvivere nell’acqua salata.
Draghi dei Cieli: sono i più sfruttati dagli uomini per il trasporto aereo.
Draghi del Vento: veloci, robusti e fedeli. Ma sensibili nei confronti della
luce solare.
Draghi della Terra: la loro caratteristica primaria è la totale assenza delle
ali. I Draghi della Terra sono quindi incapaci di volare e, in genere, di
nuotare.

SPECIE DI DRAGO

Pungo Peperino: È uno dei draghi maggiormente sfruttati per il trasporto
aereo. Ogni famiglia che si rispetti ne possiede almeno un esemplare. Il suo
prezzo ruota intorno alle trecento Lance, ma può salire anche fino a mille
cinquecento se si tratta di esemplari rigorosamente addestrato al volo.Secondo
una statistica, si contano più i Peperini in cattività degli esemplari allo
stato brado. Ma in fondo questi simpatici Draghi dei Cieli sembrano trovarsi
bene con gli umani.
Il Pungo Peperino è una delle razze più piccole: un adulto raggiunge le tre
braccia di lunghezza. Le sue scaglie sono colore grigio perla. Vive in zone di
montagna e depone uova verdognole.

Flashato Infero: È una razza da non sottovalutare, anche se la definirei
meno terribile del Sauro d’Azoria. Gli esemplari di Flashato perdono facilmente
la pazienza ed esplodono in frequenti accessi d’isteria. È impossibile
impartire loro degli ordini o cercare di utilizzarli come mezzi di trasporto.
Il cervello di questi Draghi di Fuoco viene ritenuto di piccole dimensioni
(non più grande di una mela). Presentano scaglie scarlatte e depongono uova
marroni.

Guru Acuto: Ha scaglie color rame ed è frequentemente utilizzato per i
viaggi. La sua caratteristica principale è il muso appuntito, simile al becco
del Dodo Tivetano, da cui sporgono affilatissime zanne.
Nonostante abbia un ottimo rapporto con l’uomo, non è razza da prendere alla
leggera. Gli esemplari selvatici di Guru sono in grado di divorare grossi
animali, come mucche e cavalli, in meno di trenta secondi. Misteriosi decessi,
avvenuti recentemente nello sperduto villaggio di Gaya, sono stati attribuiti
proprio a un branco di Guru. Questo Drago del Vento erutta fiamme dorate. Vive
in media 150 anni. Sulla sua testa spiccano corna ritorte utilizzate per la
preparazione di unguenti.

Dapty Crinato: È un Drago del Vento, allevato principalmente per il suo
splendido manto nero. Il corpo del Dapty, anziché essere ricoperto di ruvide
scaglie, presenta infatti un morbido pelame. Qualsiasi capo d’abbigliamento con
esso confezionato genera una potente barriera magica, refrattaria a malocchi e
incantesimi. Ecco perché le tuniche di Dapty sono le più richieste e apprezzate
da maghi e stregoni.
Ogni anno nella città di Pentac si celebrano sfilate di moda per presentare i
capi fabbricati con questo pregiato tessuto.

Goccio Tundo: È una delle razze più strane con cui abbia mai avuto a che
fare. Le squame che ricoprono il corpo del Tundo sono costantemente impregnate
di una sostanza gelida e appiccicosa utilizzata dall’uomo per fabbricare colle
super-resistenti. La cute stessa del drago produce questo liquido per regolarne
la temperatura corporea e tenere alla larga i parassiti.
I Tundi sono estremamente sensibili al calore del sole; infatti non possono
volare a più di centocinquanta metri dal suolo. Superato questo limite, il
processo di sudorazione del drago rischia di interrompersi e le sue squame
cominciano a disidratarsi, conducendolo velocemente alla morte. Persino le uova
deposte dal Goccio sono dotate di una pellicola oleosa che le protegge dal
calore.
Questa specie viene sfruttata come mezzo di trasporto nelle fredde Terre del
Nord. Nei luoghi dove il clima è più mite vengono allevati esemplari ibridi,
abituati sin dalla nascita a sopportare anche le temperature elevate.
Secondo alcuni Dragologi dovrebbe esistere una categoria apposita per le
razze che, come il Goccio Tundo, preferiscono il clima rigido: i Draghi delle
Nevi. Per il momento il Tundo è classificato come Drago del Vento per la sua
innata capacità di volare a trenta leghe orarie.

Gelma Occhionero: Un drago dall’aspetto simpatico, dotato come il Dapty di
un morbido manto. Presenta delle strane macchie nere intorno agli occhi e per
questo viene soprannominato “drago-panda”. Il Gelma ha la migliore visibilità
notturna fra tutti i Draghi dei Cieli, ma non è considerato un buon mezzo da
trasporto per via delle sue dimensioni ragguardevoli. Manifesta uno spiccato
senso materno. Il prezzo di un esemplare adulto è di circa tremila Lance.

Tonto Sciroccato: Una razza dall’espressione tipicamente svanita. Molti
scrittori, attraverso le epoche, si sono ispirati agli esemplari di Tonto per
creare storie meravigliose, ipotizzando quali pensieri brulicassero nella mente
di queste creature. Ma in realtà, noi Dragologi siamo in grado di fornire una
spiegazione puramente scientifica riguardo alla totale inespressività del Tonto
Sciroccato: le ben misere dimensioni del suo cervello.

BIOGRAFIA DELL’AUTRICE

autrice2

Emma Brander è lo pseudonimo di Emanuela Callai, scrittrice ligure nata a
Rapallo il nel 1986 sotto l’ostinato segno del capricorno. Appassionata sin da
bambina di romanzi e fumetti, iniziò a scrivere la saga di “Morwen” all’età di
diciassette anni. L’idea le venne guardando distrattamente un programma
televisivo dove insegnavano a preparare i biscotti di Halloween a forma di
strega e pipistrello.
Emma ha presentato il suo primo libro all’edizione 2007 e 2008 di “Fantasio
Festival”, manifestazione organizzata dalla scrittrice e giornalista Moony
Witcher (autrice de “La bambina della Sesta Luna”, Giunti Junior).
Attualmente, Emma studia Lettere Moderne presso l’Università di Genova. I
suoi autori preferiti sono Philip Pullman e Marion Zimmer Bradley.

“Mi presento: sono Emanuela Callai e vivo a Rapallo, città amata da artisti e
scrittori come Ernest Hemingway. Ho scritto i primi racconti quando frequentavo
le scuole Medie. Dopo due anni di Liceo Classico, decisi di interrompere gli
studi perché non riuscivo ad inserirmi all’interno della mia classe;
quest’esperienza un po’ triste mi avrebbe permesso di descrivere i sentimenti
di solitudine ed emarginazione provati dalla protagonista di Morwen, la strega
nera Lory Barton che sogna di avere degli amici.
Cercai un’attività in cui poter investire le mie energie ed esprimere la mia
creatività, così cominciai a scrivere la saga fantasy intitolata Morwen.
Ebbi l’idea mentre guardavo un programma televisivo. Mancavano un paio di
giorni al 31 Ottobre e i negozi straripavano di maschere mostruose, costumi
raccapriccianti e finte ragnatele argentee. Quell’atmosfera misteriosa e
surreale mi diede l’ispirazione per creare una storia che avrebbe avuto per
protagonisti una giovane strega, un timido lupo mannaro, una dispettosa vampira
e un simpatico zombie.
Come la maggior parte dei fantasy, decisi di ambientarlo nell’affascinante
periodo del Medioevo, arricchendolo con figure leggendarie come i Draghi
(impiegati, in questo bizzarro mondo, come insoliti mezzi di trasporto) e altre
creature immaginarie. La varietà di personaggi che, nonostante la loro
diversità, decidono di formare un’improbabile compagnia per sconfiggere il
perfido tiranno, il succedersi incessante di colpi di scena ma, soprattutto,
l’umorismo che condisce ogni situazione sono gli elementi chiave che rendono
Morwen un romanzo unico e coinvolgente.
Importantissima, nel mio lungo viaggio di scrittrice esordiente, è stata
l’amicizia telematica con la scrittrice italiana Moony Witcher (autrice della
saga “La bambina della Sesta Luna” e “Geno”), che mi ha sempre incoraggiata e
con cui ho partecipato alla manifestazione Fantasio Festival 2007 e 2008, a
Perugia, dove ho presentato il mio romanzo e dove ho tenuto un laboratorio di
Pozioni in veste di assistente insieme al mio collega e amico Fabio Cicolani.

TITOLO DELL’OPERA:”MORWEN – La ragazza degli alberi”
COLLANA: Fantasy
EDITORE: Chimienti Editore, Taranto
PREZZO: 13,00 Euro (2,6% devoluto in beneficenza)
ILLUSTRAZIONI: Emma Brander
CODICE ISBN: 9788861150096
Pagine: 264

DOVE SI PUO’ ACQUISTARE IL LIBRO:

-sul sito IBS http://www.ibs.it/code/9788861150096/brander-emma/ragazza-degli-
alberi-morwen.html
-sul sito dell’editore http://www.chimientieditore.it/Modulo_acquisto2.htm
-oppure ordinandolo in una libreria. La lista dei fornitori è qui: http://www.
chimientieditore.it/Distributori.htm

SITI DELL’AUTRICE:

http://digilander.libero.it/emmabrander/
http://blog.libero.it/emmabrander/

[*Doverosamente si precisa:

– il materiale per l’articolo è stato gentilmente offerto dall’autrice del romanzo;

– la presente segnalazione è compiuta a titolo assolutamente gratuito, non avendo corrisposto l’autrice alcun compenso di qualsiasi natura, nemmeno a titolo di “rimborso spese” (anche perché non ve ne sono)]

Annunci